Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite
Melanoma
Dermabase.it

Efficacia e sicurezza di Lebrikizumab, un inibitore dell'interleuchina 13 ad alta affinità, negli adulti con dermatite atopica da moderata a grave


L'interleuchina 13 ( IL-13 ) è un mediatore patogeno centrale che guida molteplici caratteristiche della fisiopatologia della dermatite atopica.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Lebrikizumab, un nuovo anticorpo monoclonale ad alta affinità contro IL-13 che previene selettivamente la formazione del complesso di segnalazione del recettore eterodimero IL-13Ralfa1 / IL-4Ralfa negli adulti con dermatie atopica da moderata a grave.

È stato condotto uno studio clinico randomizzato di fase 2b, in doppio cieco, controllato con placebo, con dosaggio variabile, con iniezioni di Lebrikizumab ogni 4 settimane o ogni 2 settimane nel periodo 2018-2019 presso 57 Centri statunitensi.
I partecipanti erano adulti di 18 anni o più con dermatite atopica da moderata a grave.

I pazienti sono stati randomizzati al placebo ogni 2 settimane o alle iniezioni sottocutanee di Lebrikizumab alle seguenti dosi: 125 mg ogni 4 settimane ( dose di carico di 250 mg LD ), 250 mg ogni 4 settimane ( 500 mg dose di carico ) o 250 mg ogni 2 settimane ( 500 mg dose di carico al basale e alla settimana 2 ).

L'endpoint primario era la variazione percentuale alla scala EASI ( Eczema Area and Severity Index ) dal basale alla settimana 16.
Gli endpoint secondari alla settimana 16 includevano la proporzione di pazienti che raggiungevano un punteggio alla scala IGA 0/1 ( Investigator’s Global Assessment di 0 o 1 ); miglioramento di EASI almeno del 50%, 75% o 90% rispetto al basale; variazione percentuale del punteggio della scala NRS ( Numeric Rating Scale ) prurito; e miglioramento del punteggio di prurito alla scala NRS di almeno 4 punti.
Le valutazioni della sicurezza includevano eventi avversi emergenti dal trattamento.

In totale 280 pazienti ( età media, 39.3 anni; 166 donne, 59.3% ) sono stati randomizzati al placebo ( n=52 ) o a Lebrikizumab a dosi di 125 mg ogni 4 settimane ( n=73 ), 250 mg ogni 4 settimane ( n=80 ) o 250 mg ogni 2 settimane ( n=75 ).

Rispetto al placebo ( variazione percentuale media dei minimi quadrati EASI, −41.1% ), i gruppi trattati con Lebrikizumab hanno mostrato un miglioramento dose-dipendente e statisticamente significativo dell'endpoint primario rispetto al placebo alla settimana 16: 125 mg ogni 4 settimane ( −62.3%, P=0.02 ), 250 mg ogni 4 settimane ( −69.2%, P=0.002 ) e 250 mg ogni 2 settimane ( −72.1%, P minore di 0.001 ).

Differenze rispetto ai pazienti trattati con placebo ( 2 su 44, 4.5% ) nel miglioramento della scala NRS prurito di almeno 4 punti sono state osservate già al giorno 2 nel gruppo Lebrikizumab ad alto dosaggio ( 9 su 59, 15.3% ).

Eventi avversi emergenti dal trattamento sono stati segnalati in 24 su 52 pazienti trattati con placebo ( 46.2% ) e in pazienti trattati con Lebrikizumab come segue: 42 su 73 ( 57.5% ) per 125 mg ogni 4 settimane, 39 su 80 ( 48.8% ) per 250 mg ogni 4 settimane e 46 su 75 ( 61.3% ) per 250 mg ogni 2 settimane; la maggior parte degli eventi era da lieve a moderata, e non ha portato all'interruzione del trattamento.

Sono stati segnalati bassi tassi di reazioni al sito di iniezione ( 1 su 52, 1.9%, nel gruppo placebo vs 13 su 228, 5.7%, in tutti i gruppi Lebrikizumab ), infezioni da herpesvirus ( 2, 3.8%, vs 8, 3.5% ) e congiuntivite ( 0% vs 6, 2.6% ).

Durante le 16 settimane di trattamento, Lebrikizumab è risultato efficace in modo rapido e dose-dipendente in un'ampia gamma di manifestazioni cliniche in pazienti adulti con dermatite atopica da moderata a grave e ha dimostrato un profilo di sicurezza favorevole.
Questi dati supportano il ruolo centrale dell' interleuchina-13 nella fisiopatologia della dermatite atopica. ( Xagena2020 )

Guttman-Yassky E et al, JAMA Dermatol 2020; 156: 411-420

Dermo2020 Farma2020


Indietro